Musica per il tuo matrimonio: scegli tra i premiati dei Grammy Awards!

I Daft Punk hanno fatto man bassa!

Sono appena terminate a Los Angeles le premiazioni dei Grammy Awards, trasmessi dalla rete televisivaCBS. Si tratta è uno dei premi più importanti degli Stati Uniti, l’equivalente dei premi Oscar nel mondo del cinema. Li hai visti anche tu?

I vincitori della serata sono stati tanti, anche perché le categorie erano molte:  30 generi musicali, dal pop al gospel all’hip hop.

Però a trionfare davvero, portandosi a casa una bella collezione di statuette che rappresentano un grammofono, sono stati sicuramente i Daft Punk che hanno portato a casa ben cinque Grammy (tra cui Album of The Year con “Random Access Memories” e Record of the year con “Get Lucky”). Paul Williams, storico produttore che ha curato l’ultimo album dei Daft Punk, ha scherzato, sul palco, dicendo: “In passato, quando bevevo, mi immaginavo cose che non c’erano e di cui avrei avuto paura. Poi sono diventato sobrio e due robot mi hanno chiamato e chiesto di fare un album”.

Beh, parentesi goliardica a parte, con questo premio senz’altro “Get Lucky” è stata eletta la canzone dell’anno, e devo dire che nei mesi passati, ma ancora oggi, non manca quasi mai alle Vostre feste di matrimonio… anche in versione lounge! E’ molto bella, l’avete sentita?

PREMIATI ANCHE TRE ARTISTI MOLTO GETTONATI PER LE FESTE DI MATRIMONIO
Oltre ai Daft Punk, volevamo anche segnalarti tre artisti molto richiesti per le feste di matrimonio: l’onnipresente Michael Bublé, che spesso proponiamo anche con i suoi vecchi successi come “Sway“, si è aggiudicato con To Be Loved  la categoria miglior album tradizionale. E poi ci sono anche due donne davvero “al top”: Rihanna ha portato a casa il suo “Grammy” per il miglior disco Urban-Contemporary, Alicia Keys per il miglior album R&B. Entrambe le proponiamo spesso: Alicia per il sottofondo per le cene, per esempio (è molto “cool” e raffinata) mentre Rihanna per scatenare i più giovani in pista!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *